Patentino per cani: l'obbligo per le razze pericolose

24 February 2020 - Pet Lover

Arriva una vera e propria black list per gli amici a quattro zampe: i padroni dei cani di razza pericolosa dovranno essere in possesso di un patentino per cani.

Patentino per cani: la nuova regola per le razze pericolose

Il patentino per cani è adesso obbligatorio per tutti coloro che possiedono un cane che rientra nella categoria di razze pericolose: è ciò che è stato stabilito dal consiglio comunale di Milano il quale ha approvato questa nuova regola che dovrà essere adottata da tutti i proprietari di un cane di grossa taglia e potenzialmente pericoloso.
Precisamente chi possiede un cane appartenente a queste razze dovrà seguire un corso della durata di tre giorni all’Ats (Agenzia di tutela della salute) con l’intento di imparare ed apprendere tutti gli accorgimenti necessari per saper gestire al meglio il proprio animale in diversi contesti al fine di impartire il giusto addestramento.
Alcune razze potrebbero rivelarsi potenzialmente pericolose, affermano i garanti degli animali del comune di Milano, in quanto sono state scelte dall’uomo in base ad una determinata morfologia. Un padrone in grado di gestire correttamente il proprio cane in determinate situazioni andrebbe infatti a ridurre i rischi che potrebbero derivare da atteggiamenti pericolosi dell’animale. Il patentino per cani è obbligatorio ed è essenziale per una questione sia educativa che di sicurezza per se stessi e per gli altri.

Quali sono le razze potenzialmente pericolose?

Tuttavia la black list non è ancora stata specificata, pertanto non è ancora possibile essere informati su quali saranno le razze che necessitano del patentino per cani ma verrà comunicata al consiglio comunale in una seconda riunione. Ad ogni modo si ipotizza che le razze appartenenti alla categoria saranno Dogo Argentino, Pitbull, cane Corso e American Staffordshire e altre.
Molti possessori di cani avevano già sentito parlare di questi corsi, tuttavia sono stati molti gli addestratori cinofili che hanno comunicato il loro disaccordo in merito a questa nuova regola poiché non li considerano particolarmente utili. Più che altro le incertezze riguardano le modalità con le quali verranno gestiti i corsi e come questi verranno strutturati dato che si tratta di soli tre giorni che potrebbero non essere sufficienti per apprendere le nozioni basilari.
Sono invece tutti di comune accordo per quanto riguarda un corso di educazione per tutti i proprietari di cani indipendentemente che si tratti di razze pericolose o meno per migliorare il rapporto cane-padrone e far sì che il proprio amico peloso sappia comportarsi anche in luoghi pubblici o in presenza di bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo mail non sarà visibile.